QUANTO CI SENTE IL MIO CANE?

Four-legged Ear Animal Small Dog Nature Pets

I cani sono in grado di percepire gli ultrasuoni e fino a 35-40.000 vibrazioni al secondo (Hertz), un uomo ne avverte circa 30.000 in età giovanile, 20.000 da adulto e 12.000 nella vecchiaia. Se ci pensate bene siamo portati a pensare che i nostri cani siano telepatici quando si mettono all’erta poco prima dell’arrivo di un familiare a casa, o quando sentono la nostra auto prima che entri in garage… la realtà è che sentono semplicemente molto meglio di noi!

Ma a cosa è dovuto questo successo e perché in loro questo senso è così sviluppato?

I cani possiedono orecchie movibili e sono in grado di orientarle verso la fonte sonora localizzandola con estrema precisione, sono anche in grado di muoverle in maniera asimmetrica riuscendo a isolare solamente i suoni che gli interessano. Molti cani da caccia sono stati selezionati con le orecchie flosce per cercare di limitare le distrazioni provenienti da rumori lontani e aiutandoli a concentrarsi sull’olfatto e le prede più vicine. Cani di piccola taglia sono stati selezionati per essere stimolati dal rumore e rispondendo con abbai, cani dalla mole più grande tendono invece ad essere meno rumorosi ma più portati alla difesa.

Ovviamente esistono tutta una serie di varianti e la percezione uditiva cambia da soggetto a soggetto e da razza a razza.

I cani possiedono un udito così sviluppato perché era di vitale importanza per i loro antenati selvatici: per i primi proto-cani era indispensabile percepire gli squittii dei topi e dei roditori di cui si nutrivano o il sopraggiungere di qualche minaccia (anche i primi uomini li utilizzavano nella guardia del bestiame proprio per questa loro caratteristica). L’udito è anche indispensabile nella comunicazione intraspecifica: i cani ringhiano, abbaiano, uggiolano, guaiscono e ululano e cercano continuamente di comunicare con l’uomo.

Se sentono un rumore insolito – come magari il verso di qualche animale in un documentario alla televisione, o il nuovo elettrodomestico azionato per la prima volta – molto spesso inclinano la testa su un lato. Questo gesto, che può sembrarci comico e buffo, è effettuato in realtà per orientare meglio le orecchie e concentrarsi maggiormente sulla fonte sonora.

Esistono anche alcune razze che possono essere soggette a sordità congenita, questo è legato ai geni che codificano per il mantello bianco e merle: Collie, Australian Shepherd, Dogo Argentini e Dalmata hanno una maggiore probabilità di manifestare questo tipo di problema.

In generale l’acutezza sonora tende a diminuire con l’età e spesso i cani anziani diventano completamente sordi, infatti molti problemi comportamentali possono essere riconducibili a un deficit uditivo.

E cosa dire dei nostri gatti?

Cacciatori solitari per eccellenza, grazie alla loro sensibilità uditiva sono in grado di percepire i più deboli squittii e fruscii dei roditori e degli uccelli che cacciano. Le orecchie del gatto sono in grado di ruotare anche di 180° e di inclinarsi verso la fonte sonora di origine. Sono in grado di percepire gli ultrasuoni e possiedono una capacità uditiva superiore di 1,5 volte rispetto al cane e di 4,5 volte rispetto all’uomo.

Daniel Sebastian Ossino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...