L’IMPORTANZA DEL TATTO NELLO SVILUPPO E NELLA VITA DEL CANE

Puppy_near_Coltani_-_17_apr_2010

Spesso siamo portati a credere che il tatto sia uno dei sensi meno sviluppati nel nostro amico a quattro zampe, in realtà è vero il contrario: di tutti i sensi il tatto è quello più importante per lo sviluppo caratteriale del cane e, forse, quello che causa i maggiori problemi nel rapporto cane-proprietario.

Il cucciolo neonato (ancora sordo e con gli occhi chiusi) si orienta in modo tattile alla ricerca della madre e dei fratelli e – se lo si separa da loro – reagisce lamentandosi e dondolando la testa fino a quando non li ritrova. Il cucciolo che avrà un intenso contatto fisico con la madre e i fratelli prima, e con l’uomo poi, crescerà sicuro di sé.

L’importanza del tatto perdura per tutta la vita del cane!

I cani percepiscono le sensazioni tattili con le vibrisse – peli sensori situati sopra gli occhi, nella parte inferiore della mascella e sul tartufo – e tramite peli tattili localizzati nella parte terminale degli arti. Con le vibrisse il cane avverte la temperatura degli oggetti prima di toccarli o la temperatura dei cibi prima di metterli in bocca. Tutto il corpo del cane ha inoltre terminazioni nervose stimolate dal tatto: sensazioni tattili possono procurare benessere o risposte negative (fuga, irrigidimento, morso).

Nei cani è importante la comunicazione tattile: nei gesti di dominanza il soggetto in questione può appoggiare il muso o la zampa sul dorso dell’altro cane – spesso anche nei nostri confronti qualora esista questo problema nel rapporto con il proprietario – o nella comunicazione sessuale con naso e lingua ad esplorare le zone genitali, ma anche nei confronti della madre con colpetti del muso quando il cucciolo ha fame.

La  comunicazione tattile viene usata continuamente dall’uomo nei confronti dei nostri amici a quattro zampe. Anche se non ce ne rendiamo conto, il modo in cui tocchiamo i nostri cani provoca sensazioni ed effetti diversi: accarezzarli a mano aperta lungo i fianchi provoca tranquillità, abbassa lo stato di veglia e riduce lo stress, mentre le pacche tendono ad eccitarli, le grattatine su dorso e spalle sono fonte di gratificazione e un modo ben apprezzato per complimentarsi del loro comportamento.

Ma anche i nostri cani comunicano nella stessa maniera con noi: molto spesso ci si buttano letteralmente addosso o si appoggiano con tutto il loro peso alle nostre gambe quando si siedono.

Facciamo sempre attenzione ai segnali che ci mandano i nostri amici a quattro zampe, fermiamoci ad osservarli e cerchiamo di capire che cosa vogliono trasmetterci. Non saperli interpretare spesso porta a incomprensioni che possono compromettere il rapporto con il proprietario, soprattutto se il cane arriva da una situazione di vita non facile, allora sarebbe sempre meglio farsi aiutare da un professionista cinofilo.

Daniel Sebastian Ossino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...